Archivi categoria: Prima Casa

Prima Casa – agevolazioni e requisiti

Prima Casa Legge Notaio Torino

Chi acquista una casa può beneficiare delle agevolazioni per acquisto della prima casa cioè l’imposta del registro nella misura del 2% anziché del 9%, calcolata sul valore risultante dalla rendita catastale, se acquista da una persona fisica o da una società semplice.

 

Se acquista da una società, pagherà l’IVA con l’aliquota del 4%, anziché del 10% sul prezzo pagato.
I requisiti per beneficiare delle agevolazioni prima casa, sono i seguenti:

 

  • Non possedere in piena proprietà o in comunione con il coniuge una casa nel comune dove si trova l’immobile acquistato;
  • Non possedere, neppure per quote, su tutto il territorio nazionale, una casa acquistata con le agevolazioni prima casa .

Se l’acquirente non risiede nel comune ove si trova la casa acquistata, nell’atto di acquisto deve dichiarare di trasferire la residenza nella casa acquistata entro 18 mesi dall’atto.

 

Può beneficiare delle agevolazioni prima casa anche chi, pur essendo residente in un altro comune, acquista la casa nel comune dove svolge la propria attività lavorativa o chi è residente all’estero e acquista per la prima volta una casa in Italia.

Acquisto prima casa: agevolazioni

L’Agenzia delle Entrate con la risoluzione 13/E del 26 gennaio 2017, prende posizione su un aspetto interessante in materia di conservazione delle agevolazioni per l’acquisto della prima casa soggetto ad imposte ipotecarie e catastali in misura fissa e a imposta di registro pari al 2% (agevolazioni cd “prima casa”).

In caso di trasferimento a titolo gratuito o oneroso degli immobili acquistati con tali benefici, prima del decorso del termine di 5 anni dall’acquisto, sono dovute le imposte di registro, ipotecarie e catastali in misura ordinaria nonchè il 30% di una sovrattassa.

La previsione è in realtà mediata dalla possibilità di mantenere i benefici anche in caso di trasferimento infra quinquennale (in altre parole non si decade dall’agevolazione fiscale) a condizione che – entro l’anno dall’atto di cessione infra quinquennale – si riacquisti un altro immobile da adibire a propria abitazione principale.

Con diversi documenti (risoluzione 44/E del 16.3.2004 – circolare 38/E del 12.8.2005) l’Agenzia delle Entrate aveva precisato che i benefici “prima casa” si mantengono anche nel caso in cui – entro l’anno dalla cessione infra quinquennale – il beneficiario acquisti un terreno sul quale venga realizzato – sempre entro l’anno – un immobile da utilizzare quale abitazione principale.

Continua la lettura di Acquisto prima casa: agevolazioni